Sei in: Home » Articoli

Condacons: in partenza class-action in favore dei pensionati

pensionati id8668
Ancora una volta il Codacons annuncia battaglia. Questa volta in favore dei pensionati le cui entrate mensili hanno perso in 18 anni quasi il 50% del potere d'acquisto. In Italia, si legge in un comunicato stampa dell'associazione dei consumatori, "i pensionati sono 16,8 milioni. Di questi, quasi la metà percepisce una pensione da fame pari a 500 euro mensili, mentre l'80% non supera i 1.000 euro mensili. Dal 1993 ad oggi, il potere d'acquisto di chi percepisce una pensione medio/bassa, è calato del 49,3%, e la situazione è destinata a peggiorare se si considerano gli effetti della manovra finanziaria varata dal Governo". Una situazione che non è più sostenibile e a fronte della quale il Codacons è decisa a far partire una class action gratuita contro la pubblica amministrazione per costringere lo Stato ad emettere provvedimenti diretti a riequilibrare la situazione economica degli anziani. "Le pensioni italiane - spiega il Presidente del Codacons - sono tra le più basse d'Europa, e quelle sottoposte alla maggiore pressione fiscale". Ma non basta: "il costo della vita continua ad aumentare inesorabilmente, senza che a ciò corrisponda un incremento del reddito netto percepito dai pensionati". Insomma con un potere d'acquisto dimezzato c'è il rischio che centinaia di migliaia di anziani entrino a far parte della fascia di povertà specie se si considerano le novità introdotte dalla manovra finanziaria che colpiscono in particolar modo il ceto medio-basso. Quello che chiede il Codacons in particolare è un piano di interventi diretto a garantire: più servizi sociali e di assistenza gratuita agli anziani; un sostegno a domicilio agli anziani non autosufficienti; agevolazioni e rateizzazioni per tasse bollette e tributi da pagare; medicine gratis e niente ticket sanitari.
(01/11/2011 - N.R.)
In evidenza oggi:
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Responsabilità medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE