Sei in: Home » Articoli

Borse a picco: differenziale Btp - Bund a quota 4,34%. Il video di SkyTg24

crisi fallimento grafico default soldi
Ancora una giornata nera in borsa dove crollano i titoli di Stato italiani e sale il differenziale tra BTP e Bund tedeschi fino a quota 4,34%. I tassi di interesse dei BTP decennali č salito fino al 6,1 % avvicinandosi cosė pericolosamente a quello che che viene considerato dai tecnici un punto di non ritorno, una soglia (indicata dagli esperti nel 6,5%-7%) che metterebbe seriamente in pericolo il nostro paese. Altri paesi come la Grecia, il Portogallo e l'Irlanda Portogallo hanno dovuto chiedere aiuti esterni proprio dopo aver superato quella soglia. Un lunedė nero dunque con Piazza Affari che perde quasi il 4%. Ad incidere maggiormente sono soprattutto i bancari con perdite significative per Unicredit e Intesa Sanpaolo. Anche il settore auto sotto pressione. Segnali negativi dunque che preoccupano ancor di pių se si considerano i dati Istat sulla disoccupazione e sul crescente costo della vita in Italia. Perchč peggiorano i mercati? La risposta la da il direttore del Sole 24 ore secondo cui sarebbero due le principali ragioni: il primo č che "L'accordo europeo č meno progredito di quanto si attendevano gli investitori", il secondo riguarda l'Italia "le cose da fare (...) sono state annunciate, ma si č aspettato pių di due mesi non per farle bensė per riprodurle, in modo incompleto, in una lettera di impegni inviata e approvata con riserva dall'Unione Europea".
Sky TG24 ha publicato una rassegna stampa video sulle notizie apparse nei vari quotidiani che abbiamo qui sotto condiviso:

Flash Required

Flash is required to view this media.

Download Here.


(01/11/2011 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Negoziazione assistita: niente contributo unificato
» Anche l'avvocato negligente va pagato
» Avvocati: assicurazione professionale anche per i praticanti
» Usura: le Sezioni Unite sulla commissione di massimo scoperto
» Conto corrente gratis in vigore


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss