Sei in: Home » Articoli

Cassazione: a Consulta, piu' tutela sulle intercettazioni

Troppe violazioni della privacy in materia di intercettazioni. Per non parlare poi dell'assenza di garanzie prevista dalla legge 438 del 2001 sulle ''Disposizioni urgenti per contrastare il terrorismo''. Per questo la Cassazione chiede ora alla Consulta di intervenire per garantire piu' tutela. Lo fa con l'ordinanza 29169 con la quale i giudici di piazza Cavour hanno dichiarato ''non manifestamente infondata'' la questione di legittimita' costituzionale avanzata dal difensore di un pusher che chiedeva di dichiarare nulle le intercettazioni disposte senza ''uno specifico decreto di autorizzazione per introdursi nei luoghi di privata dimora al fine di posizionare le microspie''. I giudici con l'Ermellino, nel chiamare in causa la Corte Costituzionale, evidenziano come ''qualsiasi captazione di conversazioni avvenute nell'ambito del domicilio, effettuata con apparecchi interni o esterni al domicilio stesso, configura una lesione all'inviolabilita' domiciliare''. E poco importa, dicono dalla Cassazione, se queste 'captazioni' siano avvenute ''per soddisfare il principio costituzionale dell'obbligatorieta' dell'azione penale''.
(22/07/2003 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF