Sei in: Home » Articoli

Sezioni Unite: La misura cautelare in carcere non Ŕ automatica per piccoli spacciatori

carcere manette prigione
Con la sentenza n. 34475, depositata il 22 settembre 2011, in tema di associazione a delinquere e di misure cautelari, le Sezioni Unite penali hanno stabilito che la custodia cautelare in carcere non Ŕ automatica in riferimento all'associazione di piccoli spacciatori. I giudici della Corte spiegano in particolare che non sussiste la presunzione di adeguatezza della misura quando ci si riferisce a fatti di lieve entitÓ e nonostante i gravi indizi di colpevolezza. Citando precedenti pronunce (11938/2009 e 42639/2009), il massimo consesso penale del Palazzaccio ha motivato la decisione precisando che la presunzione di adeguatezza della misura della custodia carceraria prevista dall'articolo 275, comma 3, Cpp non opera, sussistendo i gravi indizi di colpevolezza, in riferimento all'imputazione per il reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti quando l'associazione sia costituita al fine di commettere fatti di lieve entitÓ.
Scarica il testo della sentenza 34475/2011
(04/10/2011 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» ResponsabilitÓ medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE