Sei in: Home » Articoli

Contratti di sviluppo: risorse per 400 mln di euro. Romani: strumento per la crescita

governo id0
di Nadia Fusar Poli -
Dal 29 settembre sono attivi i Contratti di Sviluppo, un nuovo strumento destinato a sostituire i contratti di programma e di localizzazione, che, dichiara il ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani, "semplifica le procedure e migliora la tempistica, saltando la valutazione del Cipe”. L'obiettivo è rafforzare la struttura produttiva del Paese, in particolare nelle aree svantaggiate e nel Sud, promuovere la crescita e incentivare gli investimenti produttivi anche esteri. Il nuovo strumento del Governo, presentato dal ministro Romani e da Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia, la società che si configura quale soggetto attuatore e interlocutore unico nei confronti delle imprese, dispone di una dotazione iniziale di 400 milioni di euro, finanziati dal ministero dello Sviluppo Economico, con il contributo delle Regioni coinvolte nei programmi. I progetti che potranno beneficiare dei finanziamenti non saranno solo quelli di sviluppo industriale e commerciale.
Le risorse infatti, e questa è un'altra novità introdotta insieme alla semplificazione, saranno destinate anche a progetti turistici e che riguardano il settore dei beni culturali. I programmi di sviluppo possono essere promossi da una o più imprese, sia italiane che estere e di qualsiasi dimensione, ed avere ad oggetto uno o più progetti di investimento o di ricerca industriale e prevalente sviluppo sperimentale. Fonte: Governo.it
(03/10/2011 - Nadia Poli)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF