Sei in: Home » Articoli

Cgil: governo si regge su privilegi ed è incapace di tagliare costi della politica

cgil id9466.png
L'Ufficio Stampa della Cgil ha diffuso un comunicato per denunciare che il governo basa "il suo potere sui privilegi" e "non è in grado di affrontare i veri nodi dei tagli al costo della politica". Sono le parole del segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, che aggiunge: "non si fa quello che si potrebbe fare e si scaricano tutti i pesi sulla periferia e sui futuri governi. Le scelte operate da questo esecutivo, in tema di costi della politica, sono scelte demagogiche che genereranno, riferendosi ai tagli dei piccoli comuni e delle province, contemporaneamente due effetti negativi, da un parte una pesante riduzione di democrazia, perché si costruisce l'idea dell'inutilità della politica e dell'inutilità delle amministrazioni, dall'altra si rischia di dare vita ad una struttura che moltiplica le disuguaglianze rendendo impossibile attuare le politiche di welfare e di sviluppo sul territorio, con pesanti ricadute sul mezzogiorno e sulle fasce più deboli della popolazione". Secondo la Camusso sono tutti provvedimenti (quelli sui piccoli comuni e sulle province) che non aggiungono una risorsa al paese, perché bisognerà aspettare la fine di tutte le singole legislature per vederne gli effetti. Per il leader sindacale è indispensabile sciogliere, il prima possibile, le società inutili che amministrazioni locali e regionali hanno istituto e il Governo dovrebbe iniziare incominciando da Difesa SPA e da Protezione Civile SPA, e tagliando sui 4miliardi di consulenze spese dai Ministeri. "anche mantenere la tassa di solidarietà per i parlamentari testimonia il fatto che non si vuole mettere mano ai loro redditi e ai loro vitalizi", se ne vuole ridurre il numero, ma non i privilegi, conclude Camusso.
(06/09/2011 - N.R.)
In evidenza oggi:
» Multa: possibile l'annullamento in autotutela?
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» L'assegno sociale
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF