Sei in: Home » Articoli

Phishing: Codacons, responsabili vanno perseguiti per truffa e frode informatica

truffa furto pirateria frode informatica
La recente decisione della seconda sezione penale della Corte di Cassazione secondo cui "fare transazioni in denaro, anche rubato, utilizzando il sistema del 'phishing', non e' reato di riciclaggio, occorrendo anche il dolo" costituisce "l'ennesima sconfitta nella gia' scarsa lotta al phishing". E' quanto afferma il Codacons commentando la recente sentenza della Corte che ha assolto due imprenditori palermitani dall'accusa di riciclaggio. La nota associazoine dei consumatori fa notare che "ogni giorno milioni di utenti ricevono decine di email contraffatte che mirano al furto d'identita', senza che nessuno riesca ad arrestare queste persone e ad assicurarle alla giustizia". Non si tratta del semplice spam - avverte l'associazione - ma di una vera e propria frode finalizzata all'acquisizione, per scopi illegali, di dati riservati.
Secondo il Codacons le Procure dovrebbero perseguire i responsabili sia per l'ipotesi delittuosa della truffa (art. 640 del codice penale) sia per il reato di frode informatica (art. 640 ter)
(16/08/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Avvocati: entro il 31 ottobre contributi alla CassaAvvocati: entro il 31 ottobre contributi alla Cassa
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF