Sei in: Home » Articoli

Cassazione: dipendente può rifiutare attività dannosa per la salute. Anche se c'è certificato di idoneità dell'Asl

lavoratore costruzione lavoro
In tema di lavoro subordinato e di licenziamento per giusta causa (l. 20.05.1970, n. 300, art. 18), con la sentenza n. 16361 depositata il 26 luglio 2011, la sezione lavoro del Palazzaccio ha stabilito che nell'ipotesi di licenziamento per giusta causa inflitto al dipendente per aver rifiutato di eseguire un'attività già rivelatasi una volta dannosa per la salute, non giova al datore eccepire che un certificato rilasciato dall'Azienda sanitaria locale comprovi l'idoneità del lavoratore a svolgere le mansioni proprie della sua qualifica. La Corte ha infatti precisato nelle quattro pagine di motivazione che è inutile solevare tale eccezione laddove il compito richiesto dal datore, per la sua peculiarità, esula dal novero della prestazione generalmente richiesta.
Ne consegue che il recesso è illegittimo e il lavoratore deve essere reintegrato in servizio.
Scarica il testo della sentenza 16361/2011
(13/08/2011 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Milleproroghe: ok Senato, è legge
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss