Sei in: Home » Articoli

Responsabilità sociale d'impresa, progetto “partecipativo” di enciclopedia online

L'Osservatorio Socialis, impegnato da anni, in prima fila, in una serie di progetti per l'analisi, lo studio e la diffusione delle tematiche legate allo sviluppo sostenibile, al rapporto tra profit e non profit e ai cambiamenti del mondo del lavoro, ha dato il via ad un progetto innovativo che prevede la partecipazione degli internauti alla realizzazione di un'enciclopedia online sui temi della responsabilità sociale d'impresa. Una sorta di “Wikipedia”, una piattaforma web raggiungibile all'indirizzo osservatoriosocialis.it/enciclopedia , mediante la quale gli utenti potranno interagire, condividere, commentare e confrontarsi su 175 vocaboli pubblicati nel dizionario CSR. La pubblicazione del dizionario online è stata curata dallo stesso Direttore dell'Osservatorio Socialis, il Dott. Roberto Orsi, ed è stata presentata in occasione del decennale del Libro Verde della Commissione Europea dedicato alla responsabilità sociale d'impresa.
Temi importanti, di forte impatto sociale, possono essere, quindi, condivisi “dal basso”: un progetto innovativo nel settore e che mira a creare una coscienza collettiva su tematiche che, nel corso dei decenni, sono state discusse e affrontate esclusivamente da esperti del settore, dal mondo accademico e delle aziende. Ora non più. I 175 vocaboli, da “microcredito” a “sostenibilità”, da “motivazione” a volontario d'impresa”, potranno essere ampliati grazie al contributo dei semplici cittadini che intenderanno partecipare a tale “rivoluzione” copernicana nel campo delle problematiche legate all'impatto sociale ed etico all'interno e nelle zone di attività delle aziende.
(25/07/2011 - Emanuele Ameruso)
In evidenza oggi:
» Manovra e decreto fiscale: le novità punto per punto
» Seggiolini salva bebé: legge in vigore dal 27 ottobre
» Multe e bollo auto: fino a mille euro debiti cancellati
» Giudici onorari minorili: ecco il bando, domande fino al 9 novembre
» Poste Italiane: 7.500 assunzioni nel 2019

Newsletter f g+ t in Rss