Sei in: Home » Articoli

Cassazione: misura cautelare deve indicare luoghi a cui non può accedere indagato

divieto id10477
La misura cautelare che consiste nell'imporre il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa dal reato, a carico dell'ex coniuge,indagato per stalking, rivela caratteri di eccessiva gravosità e risulta, sostanzialmente inseguibile. I giudici della sesta sezione penale hanno infatti spiegato, con la sentenza n. 26819, depositata l'8 luglio 2011, che la misura cautelare che intima al destinatario di mantenere una distanza “non inferiore a metri 100 in caso di incontro occasionale” con la persona offesa, si risolve in una prescrizione quasi abnorme.
Si deve peraltro ritenere che nel provvedimento ex articolo 282 ter Cpp il giudice debba necessariamente indicare in maniera specifica e dettagliata i luoghi rispetto ai quali all'indagato è atto divieto di avvicinamento, non potendo essere concepibile una misura cautelare che si limiti a are riferimento genericamente “a tutti luoghi frequentati” dalla vittima.
Vai alla pagina per scaricare la sentenza 26819/2011
(09/07/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Arriva la dichiarazione Iva precompilata e l'obbligo della fattura elettronica tra privati
» Il concorso di colpa nel processo penale
In evidenza oggi
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobileTassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF