Sei in: Home » Articoli

Cassazione: anoressia, no al ricovero coatto

Condividi
Seguici

Niente ricovero coatto per i malati di anoressia. Lo ha stabilito la Cassazione che ha confermato l'assoluzione di Silvia C., psichiatra dell'ospedale San Luca di Milano, accusata di ''omissione di un adeguato intervento terapeutico'' per aver dimesso dal ricovero una sedicenne che rifiutava cibo, prescrivendole una cura farmacologica. I fatti: la dottoressa aveva concordato con la giovane l'uscita dall'ospedale a patto che seguisse la cura e si ripresentasse alle date stabilite per i controlli. La situazione pero' si aggravo' tanto che l'adolescente venne sottoposta a ''trattamento sanitario obbligatorio'' al Niguarda. Le flebo si rivelarono del tutto inutili: la ragazzina, infatti, mori' nel giro di 24 ore.
(07/07/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Cassazione: sms e e-mail fanno piena prova in giudizio
» Multe anche al conducente se il passeggero non mette il casco o la cintura
» Il contratto di comodato - guida con fac-simile
» Il licenziamento orale
» Il padre mantiene la figlia avvocato non ancora autosufficiente

Newsletter f t in Rss