Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Cassazione: no alla "traslazione" integrale della pensione di reversibilitā internazionale

pensionati id10458
"Il titolare di una pensione di reversibilitā - ancorché originata da una pensione diretta liquidata in regime internazionale con il cumulo di contributi versati in Italia e all'estero - non ha diritto a un trattamento complessivo corrispondente a quello erogato al sua dante causa ma soltanto ad una quota di tale importo". Questo il principio di diritto enunciato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 14514 del 1° luglio 2011, in merito al caso di alcuni eredi che avevano chiesto, ai sensi dell'art. 7 della legge n. 407/90, il riconoscimento del diritto della loro dante causa a percepire il trattamento di reversibilitā nella stessa misura giā corrisposta al titolare diretto (coniuge deceduto). La Suprema Corte, rigettando il ricorso, ritiene corretta la conclusione della Corte di merito che, nel caso di specie, stabiliva il diritto della moglie a percepire solamente una quota pari al 60% della pensione di reversibiltā. Infatti nč dalla disciplina generale sui trattamenti ai superstiti nč da quella dettata in particolare dall'art. 7 della legge 29 dicembre 1990 n. 407 per le pensioni liquidate in regime internazionale, č lecito argomentare che sia consentita la "traslazione" dell'importo integrale della pensione del dante causa nel trattamento di reversibiltā. In conclusione i giudici di legittimitā precisano inoltre che "per il caso che la pensione diretta benefici dell'integrazione al minimo, detta integrazione concorre soltanto a determinare la base di calcolo della quota in parola".
(06/07/2011 - L.S.)
In evidenza oggi:
» Conto corrente: i limiti al pignoramento delle somme versate dall'Inps
» Mantenimento non dovuto al figlio che non vuole lavorare
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sė al pernotto dal papā anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss