Sei in: Home » Articoli

Cassazione: giro di vite contro chi offende l'etica sessuale delle donne

cellulare sms id10416.png
Linea dura della Cassazione contro chi mette in discussione l'etica sessuale delle donne. L'avvertimento arriva dalla quinta sezione penale che ha confermato la condanna per ingiuria nei confronti di un cinquantenne che aveva scritto dei messaggi alla figlia contenenti espressioni spregiativi in tema di etica sessuale della madre, sua ex moglie. Poco importa se il messaggio irriverente verso la ex era veicolato per interposta persona. Il responsabile deve comunque pagare. Inutile il tentativo della difesa di alleggerire la sua posizione sostenendo di non aver mai incaricato la figlia di riferire il contenuto del suo messaggio alla madre. I giudici della Corte con sentenza 23202/2011 hanno respinto il ricorso ed annotano che è stato dimostrato "l'invio di sms al telefono cellulare della figlia contenenti espressioni spregiative al femminile in tema di etica sessuale" e che tanto basta per una condanna penale.
Altre informazioni su questa sentenza
(24/06/2011 - N.R.)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss