Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

CIGS: perdita del trattamento in caso di mancata comunicazione all'INPS

La Corte di Cassazione con la sentenza 22 giugno 2011, n. 13577 si è pronunciata sul trattamento di integrazione salariale (CIGS). La finalità della CIGS, erogata dall'Inps, è integrare o sostituire la retribuzione dei lavoratori al fine di fronteggiare gravi situazioni di eccedenza occupazionale che potrebbero portare a licenziamenti di massa. Per avere questa prestazione economica il lavoratore deve possedere determinati requisiti che sono la condicio sine qua non della Cassa Integrazione. Secondo l'art. 8 del DL 86/1988 (convertito dalla L. 160/1988), l'interessato è obbligato a comunicare preventivamente all'INPS lo svolgimento di qualunque tipo di attività lavorativa che, in astratto, secondo le regole di comune esperienza, sia idonea a produrre reddito, mentre è irrilevante che l'attività stessa non sia prevalente o non sia remunerativa, sicché non è necessaria la prova relativa alla concreta produzione di reddito per effetto dell'attività in questione. Infatti il lavoratore che svolge attività di lavoro autonomo o subordinato, durante il periodo di integrazione salariale, non ha diritto al trattamento per le giornate di lavoro effettuate. La sola attività lavorativa compatibile con la continuazione della CIGS è il lavoro temporaneo e saltuario, ma anche in questo caso è necessaria la comunicazione all'Inps, pena la decandenza dal diritto al trattamento.
(24/06/2011 - L.S.)
In evidenza oggi:
» Multa: possibile l'annullamento in autotutela?
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» L'assegno sociale
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF