Dopo il sì del Senato, è passato ora all'esame della Camera dei Deputati il disegno di legge anticorruzione. In particolare, il ddl n. 2156, recante disposizioni in materia di prevenzione e repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione, è fondato su tre pilastri generali: prevenzione generale, controlli mirati e sanzioni. In seguito alla bocciatura del Piano Nazionale anticorruzione, previsto dall'art. 1 del ddl, un accordo ha sostanzialmente salvato le norme che traggono ispirazione alla convezione Onu contro la corruzione. Dopo aver soppresso inoltre gli artt. 3 e 4 (misure sulla trasparenza nei contratti pubblici), l'art. 6 e gli artt. 7 e 8 (disposizioni in materia di controlli negli enti locali) e l'art. 9 (fallimento politico), è stato poi confermato l'art. 5 in seguito agli emendamenti proposti.
Come si apprende da una nota diffusa da Palazzo Chigi, il Governo, impegnato a presentare un nuovo testo per garantire, così come richiesto delle opposizioni, "la piena indipendenza dell'organo di coordinamento dal potere esecutivo", ha presentato l'emendamento, deferito poi alle Commissioni competenti.
Condividi
Feedback

In evidenza oggi: