Sei in: Home » Articoli

Acquisti online: una guida della polizia postale per evitare truffe

carta di credito
Sempre più italiani scelgono di effettuare i propri acquisti online: dai semplici capi di abbigliamento ai libri, dagli oggetti di elettronica agli strumenti di lavoro. Nonostante il volume di affari delle vendite online stia aumentando vertiginosamente, la diffidenza degli italiani nei confronti dei nuovi strumenti web non accenna a diminuire. La paura di subire truffe, ricevere oggetti danneggiati o vedersi, di punto in bianco, sottrarre i risparmi dalla proprie carte di credito, continua ad essere un deterrente per chi intende fare acquisti sul web. Per ovviare a queste problematiche e per infondere maggiore sicurezza nei potenziali acquirenti, la Polizia Postale italiana, con il contributo di Paypal, società del gruppo Ebay, ha deciso di mettere a disposizione degli internauti una guida dettagliata contenente alcune misure utili per evitare truffe online. Consigli utili, semplici precauzioni attraverso le quali è possibile evitare spiacevoli sorprese: dal controllare periodicamente i movimenti storici dei propri conti online allo scegliere password sicure (con caratteri numerici e alfabetici); dal leggere bene le condizioni di vendita e le caratteristiche del prodotto allo scegliere spedizioni protrette e tracciabili; dall'assicurare sempre gli acquisti all'utilizzare software e browser aggiornati.
E' possibile visionare la guida della Polizia Postale all'indirizzo web http://www.governo.it/backoffice/allegati/63981-6903.pdf .
Vai alla pagina per scaricare la guida
(17/06/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF