Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non esiste un diritto assoluto a difendersi in giudizio personalmente

Con la sentenza n. 12570 depositata il 9 giugno 2011, la Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile un ricorso per cassazione proposto avverso sentenza di appello relativa ad opposizione a verbale di contestazione di violazione del codice della strada, che risultava sottoscritto personalmente dalla parte, la quale non si è munita del patrocinio di un avvocato iscritto nell'apposito albo come invece impone l'art. 82, ult. comma, Cpc. La seconda sezione civile della Corte, ha spiegato che “se è vero che l'articolo 6, n. 3, lett. c) della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali stabilisce il diritto della parte di stare in giudizio personalmente in ogni caso, va comunque ricordato che la Corte costituzionale ha sempre riconosciuto la discrezionalità del legislatore in tema di disciplina dei casi in cui è necessario il patrocinio di un avvocato e che alla possibilità di autodifesa esclusiva di cui alla Cedu, non può attribuirsi il significato di riconoscimento di un diritto assoluto di difendersi in giudizio da sé, ma solo quello di riconoscimento di un diritto limitato dal diritto dello Stato interessato di emanare disposizioni concernenti la presenza di avvocati davanti ai tribunali”.
Vai alla pagina per scaricare il testo della sentenza n.12570/2011
(12/06/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
» Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Il TFR in busta paga - Guida con fac-simile di richiesta
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Cannabis terapeutica: sì della CameraCannabis terapeutica: sì della Camera
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF