Sei in: Home » Articoli

Cassazione: niente busta paga? depenalizzata evasione

''Il delitto di omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali non e' configurabile a carico del datore di lavoro nel caso di mancata corresponsione delle retribuzioni ai dipendenti''. Lo ha stabilito la Cassazione a Sezioni unite penali accogliendo il ricorso di Mario S., un imprenditore dell'Abruzzo condannato ad un mese di carcere e 400 euro di multa (detenzione sostituita con 1125 euro) per non aver versato all'Inps le ritenute sulle retribuzioni dei dipendenti del novembre e dicembre del '95. Secondo le Sezioni Unite (sentenza 27641) l'''obbligo di versare le ritenute nasce soltanto al momento della effettiva corresponsione della retribuzione, sulla quale le ritenute devono operare''. In sostanza se gli imprenditori finiti in crisi non pagano gli stipendi pur mantenendo in piedi l'attivita' aziendale non commettono piu' il reato di omesso versamento all'Inps delle ritenute da fare in busta paga.
(02/07/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» In arrivo pių ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE