Sei in: Home » Articoli

Cassazione: nullità per mancata notifica al codifensore va eccepita prima della sentenza

Con la sentenza n. 22242/11 le Sezioni Unite penali hanno affermato che l'eccezione di nullità che si riferisce alla mancata notifica al codifensore dell'udienza camerale di appello può essere fatta valere prima dell'emissione della sentenza e anche se non tutte le parti (nel caso di specie imputato e l'altro difensore, ritualmente citati) hanno partecipato al procedimento. In particolare, il massimo consesso di Piazza Cavour, nel rigettare il ricorso di un imputato condannato per rapina e sostituzione di persona, rilevando un contrasto giurisprudenziale sul punto e dopo aver illustrato i diversi orientamenti in materia, ha quindi enunciato il seguente principio di diritto: “nell'udienza camerale di appello il termine ultimo di deducibilità della nullità derivante dall'omessa notificazione dell'avviso di fissazione dell'udienza ad uno dei due difensori dell'imputato è quello della deliberazione della sentenza nel grado, anche in caso di assenza in udienza sia dell'imputato che del codifensore ritualmente citati”.
(05/06/2011 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Il giudizio di pericolosità sociale del reo: come si accerta dopo le recenti riforme
» Gratuito patrocinio: le indicazioni della Cassazione sulla "non abbienza"
» Guida legale: La revoca della rinuncia all'eredità.
» Pensioni: ok condizionato del Garante per l'Ape volontaria
» L'Europa cerca (anche) avvocati


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss