Sei in: Home » Articoli

Blocco 29 aprile, Aruba indennizzerà i clienti danneggiati dai disservizi

In molti, soprattutto internauti, ricorderanno il blackout totale della rete web, l'episodio più grave in Italia, verificatosi lo scorso 29 aprile. A causa di un principio d'incendio nella sala dove erano riposti i server, il principale provider italiano di servizi sul web, Aruba, si bloccò, lasciando “a piedi” numerosi utenti e mandando in tilt un numero spropositato di siti internet e blog. A meno di un mese di distanza, sotto la “minaccia” di Class action e di altre azioni legali volte a salvaguardare gli interessi dei consumatori, è la stessa società Aruba a correre ai ripari, annunciando che indennizzerà gli utenti danneggiati dal disservizio. In un comunicato lanciato dai media nazionale, Aruba spiega che: “a tutti i clienti che utilizzano i servizi hosting e domini che includono la posta elettronica verrà attivata gratuitamente la Business Mail; coloro che già utilizzano questo servizio riceveranno invece una Gigamail; tutti i contratti relativi a ServerDedicati, Housing e Virtuali saranno prolungati gratuitamente di 15 giorni solari; tutti i clienti avranno l'opportunità di usufruire di un voucher del valore di 5 euro per l'acquisto dei prodotti Fotoaruba.
Le spese di spedizione sino ad euro 1,90 e le spese di gestione dell'ordine saranno a carico di Aruba". L'associazione dei consumatori Codacons fa sapere, tuttavia, che sarà possibile, per i clienti che hanno subito danni ingenti a causa dei disservizi del 29 aprile scorso, fare causa presso i Tribunali per vedersi indennizzati adeguatamente.
(19/05/2011 - Emanuele Ameruso)
In evidenza oggi:
» Fumo in spiaggia: i divieti dell'estate 2018
» Educazione civica a scuola: al via la raccolta firme
» Affido materialmente condiviso: una grossa opportunità per i nostri figli
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» Pedoni: multe fino a 100 euro per chi sosta in gruppo sui marciapiedi

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss