Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Cassazione: tracimazione del canale provoca danni ad autovettura? Paga consorzio bonifica

Con la sentenza n. 10720, depositata il 16 maggio 2011, la Corte di Cassazione ha stabilito che, in tema di responsabilitÓ per cose in custodia, la responsabilitÓ per i danni cagionati da cose in custodia, ex art. 2051 c.c. non pu˛ essere esclusa per la tracimazione di una roggia che ha danneggiato l'auto di un residente, laddove il consorzio di bonifica non fornisce la prova di aver adottato, in relazione alle condizioni della cosa e alla sua funzione, tutte le misure idonee a evitare il danno. La terza sezione civile ha infatti spiegato che ôla responsabilitÓ per i danni cagionati da cose in custodia prevista dall'articolo 2051 Cc viene esclusa soltanto mediante la dimostrazione positiva del caso fortuito e, per aversi caso fortuito, occorre che il fattore causale estraneo al soggetto danneggiante abbia un'efficacia di tale intensitÓ da interrompere il nesso eziologico tra la cosa custodita e l'evento lesivo, ossia che possa essere considerato una causa sopravvenuta da sola sufficiente a determinare l'eventoö. Nel caso di specie la Corte di Cassazione ha quindi accolto il ricorso di un residente che aveva citato in giudizio il Consorzio di Bonifica Pedemontano Brenta per sentirlo condannare al risarcimento dei danni subiti dalla propria autovettura, parcheggiata all'incontro della propria unitÓ immobiliare in Bassano del Grappa, a seguito della tracimazione della Roggia Cornara, gestita dal Consorzio di Bonifica, avvenuta il 7 ottobre 1998. A seguito del rigetto del ricorso da parte del giudice di pace e del Tribunale, il residente impugnava la decisione davanti alla Suprema Corte che riconosceva quindi la responsabilitÓ del consorzio di Bonifica per non essersi attivato nella manutenzione della Roggia Cornara.
Vai alla pagina per scaricare il testo integrale della sentenza 10720/2011
(18/05/2011 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» La chiusura delle indagini preliminari
» WhatsApp, cambiamenti e novitÓ in arrivo
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss