Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Inadempimento degli obblighi di assistenza. Acquisti non necessari ecludono difficoltà economiche

Il coniuge, obbligato a corrispondere l?assegno di divorzio all?ex moglie, non può esimersi da tale adempimento lamentando difficoltà economiche quando sia accertato che abbia effettuato spese voluttuarie. Lo ha stabilito la Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 17916/2003) precisando che la lamentata difficoltà economica dell?obbligato deve essere provata con estremo rigore e che non può ritenersi giustificato l?inadempimento, anche solo parziale, del versamento dell?assegno quando, anche di fronte a un tracollo finanziario del marito, è provato che lo stesso abbia ?sostenuto notevoli spese per consumi non necessari?. Con questa decisione la Suprema Corte ha confermato la condanna per la violazione degli obblighi di assistenza familiare, inflitta a un uomo che aveva negato l?assegno all?ex coniuge affermando difficoltà economiche ma che, nel contempo, aveva acquistato, per la figlia, telefonini cellulari, ricariche, viaggi e diversi scooter.
(23/06/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Responsabilità medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE