Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il lavoratore deve dichiarare al Fisco anche i compensi ricevuti "in nero"

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 9867 del 5 maggio 2011, ha affermato, ribadendo principi già consolidati in giurisprudenza, che "in caso di mancato versamento della ritenuta d'acconto da parte del datore di lavoro il soggetto obbligato al pagamento del tributo è comunque anche il lavoratore contibuente". L'intervento del "sostituto" (datore di lavoro), in presenza dell'obbligo di effettuare la ritenuta d'acconto, lascia inalterata la posizione del "sostituito" (lavoratore) sul quale grava l'obbligo specifico di dichiarare i redditi assoggettati a ritenuta. Sulla base di tali principi la Suprema Corte ha accolto il ricorso dell'Agenzia delle Entrate e cassato la sentenza con cui la Commissione Tributaria, accogliendo il ricorso di una contribuente, aveva rilevato la buona fede della lavoratrice sottolinenando che la stessa fosse esonerata da ogni obbligo fiscale, per il fatto che vi era l'obbligo primario del datore di lavoro.
I Giudici di legittimità hanno invece considerato totalmente errato l'assunto della Commissione secondo il quale gli obblighi del sostituto assorbivano ogni altro obbligo del sostituito evidenziando l'obbligo del lavoratore di dichiarare anche i compensi percepiti "in nero".
(10/05/2011 - L.S.)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
In evidenza oggi
Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderireAssicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF