Sei in: Home » Articoli

Cassazione: trasferimento illegittimo del lavoratore? Va riconosciuto anche il danno non patrimoniale

lavoro
Con la sentenza n. 9619 depositata il 2 maggio 2011, la Corte di Cassazione, sezione Lavoro ha stabilito che in caso di illegittimo trasferimento del dipendente, con conseguente declaratoria di nullità del provvedimento adottato dal datore, il risarcimento del danno non patrimoniale può ben essere liquidato in via equitativa. Secondo quanto si apprende dalla lettura della sentenza di legittimità, in primo grado, il Tribunale di Torino, nel 2006, respingeva la domanda del lavoratore diretta ad ottenere la dichiarazione di invalidità del trasferimento dall'unità produttiva.
Veniva inoltre respinta la contestualre domanda di risarcimento del danno morale e biologico per il presunto comportamento antisindacale della datrice di lavoro. Il lavoratore impugnava quindi la sentenza di primo grado e la Corte d'Appello di Torino, in riforma della sentenza di primo grado, non ritenendo sussistenti le “comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive di cui all'art. 2103”, dichiarava la nullità del trasferimento in questione con la conseguente condanna dell'appellata a risarcire i danni subiti dal lavoratore per l'illegittimo trasferimento. Su ricorso per cassazione proposto dalla datrice di lavoro, la Corte, rigettando i tre motivi di ricorso e quindi confermando la declaratoria di nullità del licenziamento, confermava inoltre la legittimità della liquidazione in via equitativa del risarcimento del danno non patrimoniale, precisando quando segue: “la censura – si legge dalla parte motiva della sentenza – non è fondata, risolvendosi in un diverso apprezzamento rispetto all'accertamento operato dal giudice di merito circa la necessità del ricorso ai criteri di tipo equitativo per la liquidazione del danno morale in questione (cfr. Cass. n. 21253 del 2004 circa la possibilità di procedere in via equitativa alla liquidazione del danno subito dal lavoratore in conseguenza di trasferimento illegittimo)”.
Scarica il pdf della sentenza 9619/2011 per esteso
(04/05/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF