Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Pensione di reversibilità o furto legalizzato?

pensionati id10156
POSTA e RISPOSTA n°58 ospita ben volentieri BENAFA che dà il proprio contributo alla causa - reversibilità con le seguenti, amarissime considerazioni: "Trovo veramente ingiusto decurtare e non aggiornare, all'indice del costo della vita, la pensione di reversibilità alla vedova che lavora. Ai fini della reversibilità, viene considerato esclusivamente il fatto che la vedova lavori e non il livello del suo reddito (che troverei più giusto). Quindi la pensione erogata non solo non viene aggiornata al costo della vita ma è sottoposta alla decurtazione per effetto dell'incremento delle addizionali regionali e comunali.
Faccio un esempio vero: Lire 500.000 mensili del 1993 equivalenti ad euro 258,22 dell'epoca; dopo 18 anni, invece di essere rivalutati al costo della vita che sarebbero diventati, al 2010, euro 404,17, sono stati decurtati per effetto delle sole imposte regionali e comunali e sono diventati euro 236,28 !!!. Mi sembra che più di una ingiustizia sia una vera ruberìa legalizzata" - Ho perso le parole (volutamente ispirato a Luciano LIGABUE).
(04/05/2011 - Avv.Paolo Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
In evidenza oggi:
» Multe: sono nulle quelle fatte dal tutor usato come autovelox
» Responsabilità medica: la colpa lieve resta
» L'Inps cerca avvocati
» Carceri: ok alla riforma
» Separazione e divorzio: l'Istat modifica le schede dei tribunali


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss