Sei in: Home » Articoli

Mutuo tasso variabile, in vista aumento rata

soldi euro
La decisione della Banca Centrale Europea di alzare i tassi dall'1% all'1,25%, quindi, di 25 punti base, secondo uno studio della Cgia, avrà alcune conseguenze sui sottoscrittori di mutui a tasso variabile. Secondo l'istituto di Mestre, infatti, la rata mensile dovrebbe passare dalla media attuale di 713,80 euro a 724,80 euro, proprio per effetto della lievitazione, seppur minima, dei tassi di riferimento. L'aumento, su base annua, sarebbe, dunque, di 132,40 euro. Immediata la reazione delle associazioni dei consumatori, le quali sottolineano la stangata in corso sulle famiglie italiane. Adusbef parla di una misura che colpisce 2,3 milioni di famiglie, che per indicazione degli operatori bancari, hanno sottoscritto mutui a tasso variabile, e che entro l'anno dovrebbero subire altri due aumenti. Codacons lancia l'allarme e calcola che l'aumento dei tassi potrebbe mandare in crisi 30 mila famiglie, che non riuscirebbero a pagare la rata del mutuo. Al di là degli allarmismi, un po' rientranti nel gioco delle parti, ancora oggi i sottoscrittori dei muti a tasso variabile stanno godendo dei tassi più bassi dall'introduzione dell'euro,e per l'Italia certamente anche da prima, per cui l'allarmismo resta ingiustificato, anche in considerazione della libera sottoscrizione dei mutui da parte delle famiglie, nonché della facile previsione di un aumento dei tassi, dopo essere stati al minimo storico per ben due anni.
(14/04/2011 - Emanuele Ameruso)
In evidenza oggi:
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi