Sei in: Home » Articoli

Misure per la tutela giudiziaria dei disabili vittime di discriminazioni

Il Consiglio dei Ministri del 6 giugno 2003 ha approvato un disegno di legge recante misure per la tutela giudiziaria dei disabili vittime di discriminazioni. Il provvedimento innanzitutto afferma il comportamento cui le istituzioni sono tenute, nei confronti dei disabili, per garantire il rispetto effettivo del principio di paritā di trattamento e la promozione delle pari opportunitā. Il provvedimento descrive la condotta discriminatoria fissando la nozione di discriminazione sia diretta che indiretta, facendo riferimento alla direttiva n. 2000/43/CE relativa alla paritā di trattamento fra le persone, indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica, ed alla direttiva n. 2000/78/CE relativa alla paritā di trattamento in materia di occupazione e condizioni di lavoro. Il provvedimento inoltre delinea il quadro della tutela giurisdizionale con la relativa legittimazione ad agire. In tal senso il provvedimento prevede la possibilitā di attivare la procedura giurisdizionale di cui all'art. 44 del decreto legislativo n. 286/98 ai casi di discriminazione connessi alla disabilitā, al fine di garantire al disabile una tutela celere e spedita.
Appare di particolare rilievo la previsione che estende la legittimazione ad agire in giudizio, sia per i casi di discriminazione individuale che collettiva ad associazioni ed enti costituiti a tutela dei disabili. Tale estensione č prevista sia su delega del disabile, sia nell'ipotesi in cui i suddetti organismi abbiano interesse ad intervenire nei giudizi per danni subiti dal disabile, o ritengano di ricorrere in sede di giurisdizione amministrativa per l'annullamento di atto.
(15/06/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Tutor: multe annullate se il verbale non riporta tutti gli elementi a garanzia del diritto di difesa
» Mille avvocati per l'Inps
» Cassazione: niente sanzioni a lavoratore assente per un giorno senza certificato
» Mille avvocati per l'Inps
» Processo civile: frazionamento domanda giudiziale e abuso processuale


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss