Compensi più elevati per chi fuori dalla aule o in corso di causa trova un accordo, tariffa oraria da 200 a 500 euro, stessa percentuale del 50% per aumenti e riduzioni e taglio del 75% per chi introduce cause bagatellari

Parametri forensi: pareri entro metà luglio 2022

[Torna su]

Sullo schema di decreto ministeriale della Ministra Cartabia n. 392, emanato su proposta del CNF, che apporta le modifiche al DM Giustizia n. 55/2014 i pareri da parte delle Commissioni di Camera e Senato arriveranno entro la metà del mese di luglio.

Vai alla guida sui nuovi parametri forensi

Il decreto incentiva la risoluzione stragiudiziale delle controversie riconoscendo un compenso superiore all'avvocato che si adopera per raggiungere questo obiettivo, introduce la tariffa oraria da un minimo di 200 a un massimo di 500 euro e introduce limiti al potere discrezionale del giudice nella determinazione dei compensi degli avvocati.

Tra gli obiettivi della riforma, quello di colmare i vuoti finora esistenti in relazione alle tariffe applicabili per determinate procedure, prime tra tutte le procedure concorsuali e a seguire le controversie sugli appalti.

Questo solo un assaggio delle novità previste dallo schema, vediamo le altre novità.

Parametri senza vincolo

[Torna su]

I nuovi parametri forensi non vincoleranno né l'avvocato e neppure il cliente. Ad essi si farà riferimento nei seguenti casi:

  • se cliente e avvocato non hanno convenuto, in forma scritta, la misura dei compensi;

  • se in assenza della decisione consensuale sul compenso spetta al giudice determinarlo.

Stessa forbice per aumenti e diminuzioni. Al fine di rendere i compensi più omogenei si stabilisce che anche per quanto riguarda la percentuale di aumento dei compensi che il giudice determina nel rispetto delle tabelle, essa sia, come per le diminuzioni, pari al 50%.

Compensi più alti per le risoluzioni stragiudiziali

[Torna su]

La prima modifica che coinvolge il compenso dell'avvocato per lo svolgimento dell'attività stragiudiziale è la previsione di un compenso che deve essere liquidato per ogni fase o parte se l'affare, in ragione della materia trattata, si compone di fasi o parti.

Anche per l'attività stragiudiziale, il giudice può disporre un aumento del compenso, così come per l'attuale diminuzione, nella misura percentuale del 50%.

Salgono poi del 30% compensi degli avvocati che riescono a far concludere alle parti un accordo in sede di mediazione o di negoziazione assistita. Aumento che, fermo restando il compenso per la fase della conciliazione, riguarda anche quelle di attivazione e negoziazione.

Se poi la transazione o la conciliazione avvengono in corso di causa al professionista viene riconosciuto un compenso che è pari a quello che gli spetta per la fase decisionale aumentato di ¼.

Nel caso poi in cui il valore dell'affare stragiudiziale sia superiore a € 520.000,00 allora il compenso viene liquidato in base a una percentuale che decresce in misura progressiva in base al valore dell'affare.

Compensi ridotti per controversie bagatellari

[Torna su]

Nell'ottica di premiare chi fa risparmiare tempo alla giustizia si agisce anche tagliando il compenso agli avvocati nella misura del 75%, se introducono controversie solo strumentali o bagatellari, ossia per chi abusa dello strumento processuale. Non cambia invece la misura del 50% di riduzione del compenso per chi introduce controversie la cui domanda introduttiva viene dichiarata inammissibile, improcedibile o improponibile, ma "per gravi ed eccezionali ragione" che il giudice deve motivare.

La norma di riferimento, lo ricordiamo, è l'art. 96 c.p.c che punisce chi agisce o resiste in giudizio con malafede o colpa grave, disponendo a suo carico, non solo il pagamento delle spese processuali, ma anche il risarcimento del danno.

Arriva il compenso orario

[Torna su]

Fa ingresso tra i parametri anche il compenso orario. Questa opzione in realtà era già contemplata dalla legge professionale n. 247/2012, ma finora non era mai stata introdotta una misura precisa di riferimento per quantificare il compenso a tempo. In accoglimento della proposta del CnF lo schema di decreto introduce una soglia minima di 200 euro fino a un massimo di 500 euro per ogni ora o frazione di ora superiore ai 30 minuti. Una forbice piuttosto ampia che lascia un ampio spazio di determinazione alle parti.

Tabella per le procedure concorsuali

[Torna su]

Per la prima volta si introduce una tabella con i parametri necessari al calcolo del compenso per la fase dell'accertamento del passivo nella procedura fallimentare e nella liquidazione giudiziale. In pratica i parametri di riferimento sono quelli previsti per il giudizio ordinario a cui si applica però una riduzione del 20%. Nei procedimenti poi di ammissione al passivo e di impugnazione dello stato passivo che riguardano i crediti da lavoro dipendente, la riduzione del compenso può arrivare fino al 50%.

Processo penale: indagini e minori

[Torna su]

La percentuale di aumento e di diminuzione del compenso stabiliti nella misura fissa del 50% per il civile valgono anche per il processo penale. In accoglimento della proposta del CNF è previsto au aumento del compenso quando le indagini difensive si rivelano particolarmente complesse o urgenti. Novità anche per quanto riguarda il compenso dell'avvocato che fornisce la propria attività difensiva in un processo penale minorile. I compensi solo quelli previsti dalla tabella n. 15 in riferimento alla autorità giudiziaria che sarebbe stata competente se al momento del fatto l'imputato fosse stato maggiorenne.


Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: