La cartella clinica incompleta non prova la responsabilità del medico

Condividi
Seguici

L'incompletezza della cartella, secondo la Cassazione, dimostra la responsabilità solo se impedisce di accertare il nesso causale e la condotta medica è idonea a provocare il danno
cartella clinica con stetoscopio medico

di Valeria Zeppilli - L' incompletezza della cartella clinica non è una circostanza da sola sufficiente a dimostrare la responsabilità sanitaria per il danno patito da un paziente, ma, come affermato dalla Corte di cassazione nella sentenza numero 29331/2019 (qui sotto allegata), a tal fine è necessario qualcosa in più.

  • 1. Compilazione della cartella clinica e nesso causale
  • 2. La vicenda
  • 3. La mancanza di prova della responsabilità medica
  • Compilazione della cartella clinica e nesso causale

    Affinché risulti dimostrata l'esistenza del nesso causale tra l'operato dei sanitari e il danno è infatti necessario che l'incompletezza della cartella abbia reso impossibile l'accertamento del relativo nesso eziologico. Inoltre, è indispensabile che la condotta posta in essere dai medici sia almeno astrattamente idonea a provocare la lesione.

    Solo in presenza di tali requisiti, l'incompletezza della cartella è una circostanza di fatto utilizzabile dal giudice per ritenere dimostrata l'esistenza del legame causale.

    La vicenda

    Nel caso di specie, il contenzioso era derivato dalle doglianze di due genitori che si erano rivolti alla giustizia per chiedere a un medico e un'ostetrica il risarcimento dei danni subiti da loro figlio in occasione della sua nascita.

    Le manchevolezze della cartella clinica, tuttavia, erano state segnalate solo in relazione alla fase gestazionale, mentre i dati riportati in tale documento erano risultati sufficienti a escludere la responsabilità dei sanitari per la fase dal ricovero al parto e per i giorni successivi.

    La mancanza di prova della responsabilità medica

    La sentenza in commento rileva anche per aver affermato, sempre in materia di onere della prova, che se, all'esisto dell'istruttoria, rimangono dubbi circa la sussistenza del nesso di causalità tra l'aggravamento di una situazione patologica e il comportamento dei sanitari, "la mancanza della prova si risolve contro il danneggiato, la cui domanda deve essere respinta facendo applicazione delle regole generali sull'onere della prova".

Scarica pdf sentenza Cassazione numero 29331/2019
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(14/12/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Casa assegnata alla ex: al marito neppure il seminterrato
» Pensioni più basse per errore dell'Inps: cosa fare

Newsletter f t in Rss