Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Il condominio crea occupazione

Condividi
Seguici

Da una verifica Anammi risulta un aumento degli "under 30", decisi ad intraprendere la professione di amministratore come principale attività lavorativa
giovani al lavoro si stringono le mani

di Gabriella Lax - L'amministratore di condominio non come una seconda scelta ma come principale occupazione. E, secondo i dati dell'Anammi (l'Associazione Nazional-europea degli AMMinistratori d'Immobili), sono sempre più i giovani che decidono di intraprendere questa professione come principale.

  1. Sempre più giovani scelgono di fare gli amministratori di condominio
  2. Amministratori, i "mediatori del pianerottolo"
  3. Un amministratore su tre è laureato

Sempre più giovani scelgono di fare gli amministratori di condominio

I dati raccolti da Anammi raccontano di partecipanti ai primi corsi della campagna 2019-2020 sono, nel 50% dei casi, tutti "under 30", donne e uomini che hanno deciso di puntare sull'amministrazione condominiale come professione principale. Da qui partono le considerazioni di Giuseppe Bica, presidente dell'Anammi: «Stiamo assistendo ad un vero e proprio ribaltamento: un tempo più della metà dei soci intraprendeva questo mestiere con l'obiettivo di diversificare e rafforzare una posizione da libero professionista oppure alla ricerca di un altro lavoro, magari dopo un licenziamento. Oggi, invece, chi fa l'amministratore sceglie, in piena consapevolezza, questa professione, consapevole che, a fronte di un impegno forte, i risultati non tardano ad arrivare».

Amministratori, i "mediatori del pianerottolo"

Nonostante la crescita della percentuale che riguarda i giovani, resta ancora elevato il numero di chi diventa amministratore di condominio in età adulta (circa il 40%), con l'obiettivo di reinventarsi come lavoratori autonomi, costruendo una carriera diversa. Una grande spinta a queste decisioni è arrivata certamente dalla riforma del condominio (L.220 del 2012). Ancora secondo il presidente si registra egli ultimi anni, «un'accelerazione in tal senso, ecco perché l'amministratore di condominio si è affermato come il riferimento cui ricorrere per tutto ciò che accade nell'immobile, una sorta di 'mediatore del pianerottolo' cui rivolgersi».

Un amministratore su tre è laureato

Ultimo dato, ma non poco rilevante è che un amministratore su tre è laureato, preferibilmente in giurisprudenza ed economia. Per il resto ragionieri e geometri rappresentano il 70% degli associati, seguiti dagli avvocati e dagli architetti. Proprio per la su menzionata riforma del condominio e di numerose altre norme, gli amministratori condominiali sono infatti chiamati ad occuparsi dei problemi più disparati: risparmio energetico, ristrutturazioni, sicurezza degli impianti, privacy, contratti e gestione delle liti. Quindi, al fianco di materie più "classiche" come la contabilità, le parti comuni e le tabelle millesimali, si sono aggiunti nuovi temi, molto articolati e tecnici.

(05/11/2019 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» INI-PEC valido e attendibile: la Cassazione corregge il tiro
» La colf in nero incastra il datore di lavoro con le foto

Newsletter f t in Rss