Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: best practices e linee guida sono equiparabili?

La Cassazione definisce la possibilità di equiparare le buone pratiche clinico-assistenziali alle linee-guida vigenti una "opzione ermeneutica non agevole"
medico stupiti

di Valeria Zeppilli – Se non vi sono linee-guida approvate ed emanate seguendo il procedimento di cui all'articolo 5 della legge Gelli, nei giudizi di responsabilità medica può farsi riferimento all'articolo 590-sexies del codice penale solo nella parte in cui richiama le buone pratiche clinico-assistenziali.

Per la Corte di cassazione, come si legge nella sentenza numero 47748/2018 qui sotto allegata, in attesa che il complesso iter previsto dalla legge 24/2017 con riferimento alle linee-guida risulti completo, rimane comunque ferma la possibilità di fare riferimento all'articolo 590-sexies per trarre utili indicazioni di carattere ermeneutico.

Quando poi le linee-guida verranno emanate, tale norma "costituirà il fulcro dell'architettura normativa e concettuale in tema di responsabilità penale del medico".

Le linee-guida vigenti

Considerata tale prospettiva, le linee-guida attualmente vigenti e che non sono state approvate secondo il procedimento previsto dalla legge Gelli potrebbero essere recuperate negli attuali giudizi di responsabilità medica considerandole come buone pratiche clinico-assistenziali.

A detta dei giudici supremi si tratta, tuttavia, di una "opzione ermeneutica non agevole". Infatti, le linee-guida sono delle raccomandazioni di comportamento clinico che derivano da un processo sistematico di elaborazione concettuale e che quindi, in quanto tali, sono profondamente diverse dalle buone pratiche clinico-assistenziali sia sotto il profilo concettuale che sotto quello tecnico-operativo.

La vicenda

Nella vicenda decisa dai giudici, in ogni caso, anche volendo accedere alla tesi dell'equiparazione tra linee-guida vigenti e buone pratiche, tale circostanza non avrebbe potuto comunque salvare il medico.

Infatti, resta sempre fermo il fatto che l'articolo 590-sexies esclude la punibilità solo se sono state rispettate le raccomandazioni previste dalle linee-guida o dalle buone pratiche clinico-assistenziali mentre, nel caso di specie, il sanitario aveva agito con imperizia e negligenza, accertate dai giudici del merito nel corso del processo.

Sono pertanto mancati due dei presupposti fondamentali per l'applicabilità della predetta norma.

Corte di cassazione testo sentenza numero 47748/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(22/10/2018 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera
» Asili e case di riposo: in arrivo le telecamere
» Bruciare rami e sterpaglie è reato?
» Congedi papà: addio ai cinque giorni
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera

Newsletter f g+ t in Rss