Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Rottamazione cartelle: dalle multe ai rifiuti c'è tempo fino al 15 maggio

Scadrà il prossimo 15 maggio il termine per aderire alla definizione agevolata delle cartelle
uomo conta debiti su abaco

di Gabriella Lax - Dalle multe ai rifiuti resta poco tempo per procedere con la rottamazione bis. Fino al 15 maggio 2018 si potrà aderire alla definizione agevolata delle cartelle in relazione a imposte, tasse locali, multe stradali e contributi previdenziali e assistenziali. Dal 26 aprile scorso per la definizione agevolata ci sono state 455 mila richieste di adesione: primo in classifico il Lazio (con 77.000 domande), segue la Lombardia (circa 58.000 domande) e poi Campania (quasi 47.000).

Rottamazione bis entro il 15 maggio

Il provvedimento interessa i contribuenti con debiti affidati alla riscossione dal 1 gennaio 2000 al 30 settembre 2017. Ricordiamo che la rottamazione concessa dal Fisco dà la possibilità di estinguere i debiti iscritti a ruolo contenuti negli avvisi e nelle cartelle di pagamento attraverso il versamento delle somme dovute senza, però pagare le sanzioni e gli interessi di mora.

Nel caso specifico delle multe stradali, invece, non si dovranno pagare interessi di mora e maggiorazioni previste dalla legge.

Chi può fare domanda per la rottamazione bis?

Il provvedimento riguarda debiti affidati alla riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 settembre 2017. La definizione agevolata non può essere nuovamente presentata per quei debiti interessati da una precedente richiesta di "rottamazione", per i quali non si sia poi provveduto al pagamento delle somme dovute entro le previste scadenze. Possono, invece, presentare domanda i contribuenti che non sono stati ammessi alla precedente definizione agevolata esclusivamente perché al 24 ottobre 2016 avevano un piano di rateizzazione in essere e non erano in regola con i pagamenti delle rate in scadenza entro il 31 dicembre 2016.

Leggi anche Rottamazione bis: tutte le novità

(03/05/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Conto corrente: i limiti al pignoramento delle somme versate dall'Inps
» Mantenimento non dovuto al figlio che non vuole lavorare
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss