Sei in: Home » Articoli

ResponsabilitÓ medica: la condotta colposa non basta

Se vi Ŕ incertezza sul nesso di causalitÓ tra tale condotta e il danno lamentato dal paziente la richiesta di risarcimento va rigettata
un medico seduto alla propria scrivania

di Valeria Zeppilli ľ Ai fini dell'affermazione della responsabilitÓ del sanitario non Ŕ sufficiente la semplice individuazione di profili di colpa nella sua condotta ma, come ribadito dalla Corte di cassazione nell'ordinanza numero 3693/2018 (qui sotto allegata), Ŕ indispensabile anche l'accertamento del nesso di causalitÓ tra tale condotta e il danno lamentato dal paziente.

Accertamento specifico

Di conseguenza, per i giudici, il rapporto di causa / effetto tra il comportamento tenuto dal medico e le conseguenze negative per le quali si chiede il risarcimento deve necessariamente costituire l'oggetto di un autonomo accertamento giudiziale, ulteriore rispetto a quello condotto per verificare la sussistenza di profili di colpa ascrivibili al sanitario.

La vicenda

Nel caso di specie, i giudici del merito avevano invece provveduto ad affermare al responsabilitÓ del medico citato in giudizio nonostante residuassero elementi di incertezza circa l'esistenza del nesso causale tra la condotta del sanitario e gli esiti invalidanti riportati dal paziente.

In tal modo, in sostanza, sono stati violati i criteri che, nell'ambito della responsabilitÓ professionale sanitaria, onerano il danneggiato di provare il nesso causale e che comportano che, se vi Ŕ incertezza sul punto, la domanda deve essere rigettata.

Il ricorso del medico Ŕ quindi stato accolto e, decidendo nel merito, la Cassazione ha rigettato la domanda proposta dal paziente nei suoi confronti.

Corte di cassazione testo ordinanza numero 3693/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed Ŕ dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche ľ Diritto del lavoro presso l'UniversitÓ 'G. D'Annunzio' di Chieti ľ Pescara
(16/02/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Decreto privacy in vigore: al via l'oblazione
» Esami avvocati: vecchie regole per altri 2 anni
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss