Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: i tre gradi della colpa

Cosa si intende per imperizia, imprudenza e negligenza con riferimento all'attività sanitaria
medico stupiti

di Valeria Zeppilli – In materia di responsabilità medica, l'esatta definizione della colpa del sanitario assume un'importanza fondamentale.

Posto che un comportamento è colposo quando è posto in essere con imperizia, imprudenza o negligenza, soffermiamoci quindi brevemente ad analizzare tali tre concetti, rapportandoli alla figura del medico.

Imperizia

L'imperizia altro non è che l'incapacità tecnica ad esercitare una determinata funzione, per scarsa pratica professionale, per scarsa formazione o per scarsa predisposizione.

Agisce con imperizia, ad esempio, il medico che non possiede le abilità che i colleghi con esperienza simile alla sua o con pari specializzazione possiedono nella maggioranza dei casi (non invece quello che non possiede la migliore tecnica terapeutica, diagnostica, medica o chirurgica).

Imprudenza

Il comportamento del sanitario può invece dirsi imprudente quando è posto in essere senza prevedere né prevenire i rischi cui con esso è esposto il paziente. Ad esempio, il medico agisce con imprudenza ogniqualvolta sottopone il proprio assistito a trattamenti diagnostici o terapeutici pericolosi senza che ciò sia effettivamente necessario.

Negligenza

La negligenza, infine, è la caratteristica che connota un'azione medica posta in essere con superficialità, trascuratezza e disinteresse.

È ad esempio negligente il sanitario che, senza alcuna ragione, omette di porre in essere nei confronti del proprio paziente gli accertamenti o le terapie che, posto lo stato di salute dell'assistito, la maggioranza dei medici avrebbe invece eseguito.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(24/12/2017 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Stretta sul gratuito patrocinio: no avvocati gratis per migranti
» Seggiolini salva-bebè: obbligo è legge
» Riforma processo civile: le novità in arrivo
» Pensioni a quota 100, si pensa al riscatto agevolato della laurea
» Mense e scuole senza menu vegano? In arrivo multe fino a 18mila euro

Newsletter f g+ t in Rss