Sei in: Home » Articoli

Danno biologico: via libera ai tagli dei risarcimenti

Con il Ddl concorrenza approvato in Senato il danno morale rischia di scomparire e la personalizzazione è limitata a casi particolari e contenuta nell'ammontare
tagli soldi euro crisi sprechi

di Valeria Zeppilli – A conferma delle voci che circolavano insistentemente negli ultimi giorni, il Senato ha dato il via libera al Ddl concorrenza con la fiducia e ha inviato il testo alla Camera per la terza lettura (leggi: "Ddl concorrenza: sconti Rc auto, bollette e avvocati, tutte le novità approvate").

Tra le tante novità approvate, balza agli occhi anche la contestatissima riforma della quantificazione dei danni derivanti da sinistri stradali, che, nonostante le proteste, ha perso l'occasione per essere "addolcita".

Danno morale ricompreso nel danno biologico

Il Ddl prevede infatti delle modifiche al codice delle assicurazioni private che, nei fatti, sanciscono l'assorbimento del danno morale all'interno del danno biologico.

Nella nuova formulazione degli articoli 138 e 139, infatti, si inserisce la previsione in forza della quale la determinazione del risarcimento del danno non patrimoniale per lesioni di non lieve o di lieve entità fatta considerando il danno biologico e l'eventuale personalizzazione (sulla quale si rinvia al prossimo paragrafo) deve ritenersi esaustiva dei pregiudizi subiti in conseguenza delle lesioni.

In sostanza, viene tramutato in legge un orientamento già in parte tracciato dalla giurisprudenza, con conseguenti strette all'ammontare dei risarcimenti per i danni subiti in conseguenza di incidenti su strada.

Limiti alla personalizzazione

Ma non solo. Anche la possibilità di procedere alla personalizzazione del risarcimento è sottoposta a nuovi limiti, dato che al giudice viene concesso di aumentare l'ammontare del ristoro dovuto al danneggiato secondo le tabelle solo se dal sinistro sono derivate delle conseguenze rilevanti sulla vita dinamico-relazionale dell'interessato e per massimo il 20% in caso di lesioni lievi e il 30% in caso di lesioni non lievi.


Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(05/05/2017 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF