Studio Cataldi: notizie giuridiche e di attualitą
  Home |  Contattaci |  Notizie giuridiche |  Notizie di attualitą |  Prendi le notizie
Torna all'indice
Art. 14. Poteri e compiti degli enti proprietari delle strade
  • Gli enti proprietari delle strade, allo scopo di garantire la sicurezza e la fluidita' della circolazione, provvedono: a) alla manutenzione, gestione e pulizia delle strade, delle loro pertinenze e arredo, nonche' delle attrezzature, impianti e servizi; b) al controllo tecnico dell'efficienza delle strade e relative pertinenze; c) alla apposizione e manutenzione della segnaletica prescritta.
  • Gli enti proprietari provvedono, inoltre: a) al rilascio delle autorizzazioni e delle concessioni di cui al presente titolo; b) alla segnalazione agli organi di polizia delle violazioni alle disposizioni di cui al presente titolo e alle altre norme ad esso attinenti, nonche' alle prescrizioni contenute nelle autorizzazioni e nelle concessioni.
  • Per le strade in concessione i poteri e i compiti dell'ente proprietario della strada previsti dal presente codice sono esercitati dal concessionario, salvo che sia diversamente stabilito.
  • Per le strade vicinali di cui all'art. 2, comma 7, i poteri dell'ente proprietario previsti dal presente codice sono esercitati dal comune.

    Norme di attuazione collegate

    Art. 25 (Art. 14 Codice della strada)

    (Attivita' di tutela delle strade)
  • Nell'espletamento dei servizi di polizia stradale di competenza, le amministrazioni alle quali appartiene il personale di cui all'articolo 12, comma 3, del Codice, provvedono direttamente a svolgere tutte le fasi del procedimento amministrativo sanzionatorio.
  • Qualora gli enti proprietari di strade non abbiano nella loro struttura amministrativa uffici predisposti specificamente a tali servizi, essi provvedono ad inviare, entro cinque giorni dall'accertamento, la segnalazione della violazione agli organi esercenti servizi di polizia stradale, che provvedono a svolgere le ulteriori fasi del procedimento.
  • Qualora la violazione non sia stata contestata all'atto dell'accertamento, l'organo di polizia stradale destinatario della segnalazione di cui al comma 2, provvede alla verbalizzazione e alla notifica, con indicazione dell'agente che ha effettuato l'accertamento.