Sei in: Home » Articoli

Cassazione: cronica insufficienza di Cie sul territorio italiano. Palazzaccio rinvia a Corte Lussemburgo decisione su inottemperanza a ordine allontanamento

I Cie, centri di identificazione ed espulsione, registrano una “cronica insufficienza”. Lo fa sapere la Cassazione attraverso un rinvio alla Corte di giustizia europea affinchè si pronunci sull'inottemperanza dello straniero all'ordine di allontanamento dal nostro paese. Nel rinviare la questione il Palazzaccio chiede la procedura d'urgenza in quanto le questioni sottoposte alla Corte di Lussemburgo riguardano la cronica insufficienza sul territorio nazionale di centri di identificazione ed espulsione. Tale situazione, si legge dalla ordinanza della Cassazione finisce “per aggravare ulteriormente le mancanze di certezze e garanzie per la posizione specifica dell'imputato”. Secondo la ricostruzione della vicenda, la Corte ha richiesto l'intervento della Corte di giustizia europea in seguito ad un procedimento a carico di un immigrato, arrestato perché non aveva ottemperato all'ordine del giudice di lasciare entro cinque giorni il territorio nazionale.
Ma l'immigrato non aveva più volte ottemperato all'ordine di allontanamento: per questo motivo la Corte di Appello di Torino lo condannava a otto mesi di reclusione. Investita della questione, in seguito alla proposizione del ricorso da parte dell'immigrato, la Corte ha rinviato al questione alla Corte di Lussemburgo, precisando che la condanna dell'immigrato “potrebbe essere annullata soltanto se si ritenesse che le disposizioni del diritto interno, regolanti l'espulsione mediante intimazione e le conseguenze collegate alla condotta di inottemperanza a detta intimazione, sono incompatibili con il diritto dell'Unione europea, in particolare con la Direttiva 2008/115 CE”.
Altre informazioni sull'argomento
(01/04/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Vaccini: entro il 10 settembre o niente asilo anche se si paga la multaVaccini: entro il 10 settembre o niente asilo anche se si paga la multa
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF