Sei in: Home » Articoli

Governo: approvato decreto per l'attuazione del federalismo regionale e municipale

Lo scorso 24 marzo 2011 la Commissione bicamerale per l'attuazione del federalismo fiscale ha espresso parere favorevole al decreto legislativo sul federalismo fiscale regionale e provinciale. Il provvedimento legislativo, rappresenta l'attuazione alla delega conferita al Governo dalla legge n. 42/09 sul federalismo fiscale. Lo fa sapere il Governo in una nota in cui informa che prima della pubblicazione dello stesso sulla Gazzetta ufficiale, il decreto dovrà avere l'approvazione finale del Consiglio dei Ministri. Il decreto legislativo disciplinerà l'autonomia di entrata delle regioni a statuto ordinario e delle province, e determinazione dei costi e dei fabbisogni standard nel settore sanitario. “Sono stati accolti – ha dichiarato Errani, Presidente della Conferenza delle regioni, in merito al Decreto - e finiranno poi nel testo relativo al federalismo fiscale regionale una serie di importanti emendamenti, relativi ai fondi di perequazione, alla manovrabilità dell'addizionale IRPEF, che non dovrà comportare aggravio fiscale e che dovrà partire dal 2013, ai meccanismi di garanzia della copertura finanziaria a fronte di minori gettiti”. In particolare, nel provvedimento legislativo, vengono individuate le fonti di finanziamento delle regioni a statuto ordinario e viene contestualmente disposta la soppressione dei trasferimenti statali.
Per ulteriori informazioni, www.governo.it
(30/03/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
» Case cantoniere e stazioni: in gestione gratis agli under40
» Divorzio: l'ex va mantenuta in nome della solidarietà post-coniugale
» Aste giudiziarie: operativo il portale delle vendite pubbliche
» Avvocati: polizze assicurative da adeguare entro l'11 ottobre
In evidenza oggi
Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metriCiclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospettoMulta di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF