Sei in: Home » Articoli

Cassazione: filmare effusioni tra minori integra reato anche se le riprese restano private

video camera id9969
Le riprese di effusioni tra un ragazzo e una minorenne, integrano reato, anche sele stesse restano private senza avere diffusione. A dirlo è una recente sentenza della Corte di Cassazione che ha specificato che tale comportamento integra il reato di detenzione di materiale pedopornografico. La terza sezione penale del Palazzaccio, con la sentenza n. 11997/2011, ha condannato ai sensi dell'art. 600-quater c.p. un ragazzo di 25 anni colpevole di aver filmato le effusioni amorose a sfondo sessuale tra una sua amica minorenne e un ragazzo che la minorenne frequentava all'epoca dei fatti . La Corte, rigettando il ricorso del venticinquenne, ha spiegato che non importa se “la condotta incriminata sia posta in essere nell'ambito di una struttura rudimentale e non idonea alla diffusione del prodotto su vasta scala”, potendo bene il comportamento del ragazzo integrare il delitto contestatogli.
“Non vi è dubbio – ha concluso la Corte - che una condotta apparentemente minima come quella dell'imputato, sia pure inquadrabile nell'ambito della ragazzata, possa rappresentare un'aggressione al bene giuridico”.
Altre informazioni sulla sentenza
(30/03/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Contratto di convivenza: come funziona
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF