Sei in: Home » Articoli

Sanzioni Libia, i rischi per i consumatori

Giovedì, il Consiglio di Sicurezza dell'Onu si riunirà per ridiscutere il testo sulla “No Fly Zone” in Libia e per approvare sanzioni contro il regime del Colonnello Gheddafi. Non si conosce ancora il testo definitivo sulle sanzioni, ma è facile prevedere che esso prevederà che non si potranno avere relazioni commerciali con la Libia, quindi, non si potrà acquistare o vendere alcunché con Tripoli. Se il testo, come ovvio, verrà approvato, ciò implicherà per noi l'impossibilità di acquistare petrolio e gas dalla Libia, senza incorrere in sanzioni. Ebbene, l'Eni mette in guardia dai rischi di una tale operazione, che essa è pronta ad eseguire, rimettendosi alle decisioni delle istituzioni.
Il gas rappresenta per gli italiani quasi il 10% dell'approvvigionamento, quindi, meno gas significa meno offerta e prezzi più alti. A rimetterci, dunque, saranno i consumatori. Più complesso il discorso sul petrolio. Infatti, mentre per il gas è facile il blocco dell'import, in quanto esso ci giunge direttamente tramite il gasdotto, per il greggio sarà più difficile capire quale porzione di petrolio che consumiamo venga da Tripoli. Il greggio viene venduto in loco, ma poi raffinato altrove, per cui diventa complesso distinguere tra petrolio libico e quello di altri stati. Per avere un'idea delle cifre di cui parliamo, pensiamo che nei primi 10 mesi dell'anno abbiamo comprato petrolio dalla Libia per circa 6,4 miliardi di euro e gas per 1,7 miliardi.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/03/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Il giudice può perquisire la borsa dell'avvocato
In evidenza oggi.
Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
Avvocati sans papier: nessuna incompatibilità
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF