Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il liquidatore paga sinistri inesistenti pressato da associazioni delinquenziali? E' illecito disciplinare non informare l'azienda

"Costituisce illecito disciplinare il ripetuto pagamento di indennizzi da parte del liquidatore dipendente da una società di assicurazioni, con pacifica irregolarità delle relative procedure ed a causa di attività estorsiva da parte di associazioni delinquenziali, quando il liquidatore non abbia tempestivamente informato dei singoli fatti, ossia delle pressioni ricevute, il datore di lavoro, né gli organi di polizia e quand'anche la detta attività delinquenziale costituisse fatto genericamente notorio". Questo il principio di diritto affermato dalla Corte di Cassazione che, con sentenza n. 6023 del 15 marzo 2011, ha osservato come la liquidazione di sinistri palesemente inesistenti va a minare irrimediabilmente il rapporto di fiducia tra il dipendente ed il datore di lavoro, giustificando quindi il recesso della società. La Suprema Corte, ribadendo che l'imperversare della criminalità non può essere un'esimente della condotta individuale del lavoratore e giustificare la reiterata liquidazione di falsi sinistri, ha cassato con rinvio la sentenza dei giudici d'Appello i quali - secondo gli Ermellini - non hanno applicato correttamente l'articolo 2119 del codice civile, elidendo l'autonoma rilevanza ex se della condotta del liquidatore e valorizzando invece esclusivamente una sorta di "tollerata acquiescenza se non precisa strategia aziendale" nella gestione delle liquidazioni affidandosi, la società, consapevolmente, alla "piena discrezionalità dell'operatore".
(17/03/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF