Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non e' reato giustificare lo stupro

Non e' reato giustificare lo stupro. Nemmeno se ad avallarlo e' il marito la cui moglie ha subito le violenze dal suocero. Lo ha stabilito la Cassazione che, con la sentenza 23916, ha respinto il ricorso del Pg presso il Tribunale di Nola che si era opposto all'annullamento della custodia cautelare nei confronti di Giovanni B., indagato insieme al padre Domenico per concorso nei delitti di maltrattamenti, lesioni personali, violenza sessuale e minacce commessi in danno di Antonietta D. M., moglie di Giovanni che, esasperata dalle violenze cui il suocero Domenico la sottoponeva, si era confidata con il marito.
E lui le aveva risposto: ''E' mio padre e puo' permetterselo'', e ancora ''quello e' mio padre e puo' fare questo e altro''. Per i giudici della Terza sezione penale ''non puo' esservi concorso morale a prescindere da una effettiva influenza sull'autore materiale del fatto''. Perche' ''ad integrare il concorso non e' sufficiente la mera connivenza o la adesione psichica, anche se manifestata a chi commette materialmente il reato''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/06/2003 - Adnkronos)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF