Sei in: Home » Articoli

Cassazione: no a peculato se utilizzo bene è episodico

giudice sentenza martello
Non integra il reato di peculato l'utilizzo “episodico” di un bene pubblico per fini personali. É questo il principio di diritto messo nero su bianco nella sentenza n. 7177, depositata il 24 febbraio 2011 con cui la sesta sezione della Corte di cassazione ha confermato un non luogo a procedere nei confronti di sei assessori comunali per il reato di peculato. I giudici di Piazza Cavour, riprendendo una setenza del 2007 (Cass. Sez. 6, 10.1.2007 n.10233, Stranieri, rv 235941) hanno motivato la decisione spiegando che “l'uso temporaneo del bene pubblico per finalità, reali o supposte, non corrispondenti a quelle istituzionali non è sempre destinato a integrare la fattispecie del peculato d'uso” soprattutto – ha continuato la Corte - nei casi in cui siffatto temporaneo uso, rivelatosi affatto episodico ed occasionale (basti osservare che dai controlli relativi ad oltre un anno di uso delle autovetture d servizio del comune di Napoli il P.m. Non ha individuato che i soli complessivi nove episodi di uso indebito contestati agli odierni imputati), non risulti caratterizzarsi, quanto a consistenza (distanze percorse) e durata dell'uso, in fatti di effettiva “appropriazione” delle autovetture di servizio, suscettibili di recare un concreto e significativo danno economico all'ente pubblico (in termini di carburante utilizzato e di energia lavorativa degli autisti addetti alla guida) ovvero di pregiudicarne l'ordinaria attività funzionale”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/02/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF