Sei in: Home » Articoli

Cerm interviene su sentenza Corte Giustizia UE per le farmacie

cerm id9794.png
Due esperti del Cerm, Fabio Pammolli e Nicola Salerno, sono intervenuti sulla sentenza della Corte di Giustizia Europea, emanata l'1 giugno 2010, con cui la Corte ha giudicato la pianta organica per le farmacie adottata dalle Asturie, in Spagna, non in contrasto con il Trattato delle Comunità Europee. In sintesi, l'adozione di una pianta per le farmacie in Asturia non sarebbe, secondo la Corte, contrario ai principi comunitari della libertà economica, nella misura in cui tale pianta sia un mezzo per il perseguimento della salute pubblica. La Corte, tuttavia, si limita a riscontrare una non contrarietà della regolamentazione delle farmacie con i principi comunitari, non volendo entrare nel merito. Secondo i due esperti Cerm, tale sentenza rischia di essere strumentalizzata da chi, ponendosi a capo di interessi puramente corporativi, intende limitare l'accesso e la libera iniziativa nel settore. Secondo Pammolli e Salerno, infatti, la Corte si limita a un giudizio di conformità, non entrando nella questione, per cui chi giudica la sentenza come la legittimazione della regolamentazione delle attività per le farmacie si sbaglia.
Al contrario, il Cerm sottolinea come una politica liberista sul settore inciderebbe positivamente, perché verrebbe meglio coperta ogni porzione del territorio, oltre a fare entrare sul mercato energie fresche e capitali nuovi, che spingerebbero i professionisti del settore verso una nuova sfida.
(27/02/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF