Sei in: Home » Articoli

Cassazione: ecco quando negoziante rapinato puo' sparare

Roma, 30 mag. Licenza di sparare per i negozianti derubati a patto che la pistola venga utilizzata per recuperare il bottino rubato, oltre che, naturalmente, in caso di legittima difesa in senso stretto. Lo stabilisce la Cassazione che in una sua sentenza (la 20727) fissa i paletti sulla legittima difesa per i commercianti presi di mira dai rapinatori. A sollecitare la pronuncia di piazza Cavour, il caso di un tabaccaio palermitano, Mario F. che, dopo l'ennesima rapina, aveva inseguito per strada i malviventi e aveva cominciato a sparare con la pistola, ferendone uno. La Quinta sezione penale, ha riconosciuto la legittima difesa del tabaccaio (gli era stata negata in primo e in secondo grado), riducendogli la pena a 20 giorni di reclusione, sostituiti con 774 euro di multa.
Secondo piazza Cavour ''e' incontestabile che la legittima difesa possa essere applicata anche ai diritti patrimoniali, i quali possono essere difesi anche ricorrendo ad atti di violenza, purche' sussista proporzione tra il danno che si potrebbe subire e la reazione posta in essere''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/06/2003 - Adnkronos)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Avvocati: sanzionato chi tratta la causa senza il collega avversario
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Accordi prematrimoniali: in arrivo la legge
In evidenza oggi
Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizioneAvvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF