Sei in: Home » Articoli

Biglietti Torneo Rugby, attenzione alle truffe

L'Unione Nazionale Consumatori ha lanciato l'allarme sulle possibili truffe ai danni dei tifosi italiani, che volessero comprare un biglietto, per assistere al torneo di Rugby, per l'assegnazione del titolo mondiale, che si terrà in Nuova Zelanda, patria dell'amato sport. Secondo l'associazione, ci sarebbero in giro falsi biglietti, che verrebbero venduti sia online, che fisicamente. Pertanto, si comunica che solo i biglietti venduti presso il sito http://www.rugbyworldcup.com sono da ritenersi validi, mentre gli altri siti spesso si limitano a ritagliare i loghi e le immagini ufficiali del torneo, per falsificare la vendita. Occhio, prosegue il comunicato dell'UNC, anche alla vendita dei biglietti da parte di agenti o associazioni che si dicono affiliati all'organizzazione ufficiale del torneo neozelandese.
Sono, infatti, tentativi molto ben congegnati, per organizzare vere e proprie truffe, che farebbero ritrovare gli ignari tifosi, sprovvisti di un titolo valido, per assistere alle sfide. La stessa preoccupazione è stata espressa dall'autorità Antitrust, la quale riportando la denuncia di una rete internazionale di protezione del consumatore, si è detta allarmata, per possibili truffe ben organizzate, dato che i grandi eventi mondiali attirano sempre coloro che vogliono fare affari in modo veloce e disonesto. Pertanto, ai tifosi italiani ch volessero volare sino agli antipodi del pianeta, per assistere al torneo di Rugby 2011, non possiamo che consigliare prudenza.
(14/02/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF