Sei in: Home » Articoli

Cassazione: no alla definizione agevolata degli avvisi di accertamento se amministratore viene rinviato a giudizio.

Nel caso di rinvio a giudizio dell'amministratore per reati societari, il fisco può rifiutare l'istanza di condono. È questo il principio di diritto contenuto nella sentenza 2714 depositata il 4 febbraio 2011. Secondo il giudizio dei giudici di legittimità, essendovi una vera e propria immedesimazione tra società (nel caso di specie una s.a.s.) e il suo amministratore, sarebbe legittimo rifiutare l'istanza di condono in seguito alla condanna del suo ex amministratore per reati di cui alla d.lgs. 74/2000 (Nuova disciplina dei reati in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto). Come infatti stabilisce l'art. 15 della legge 289/2002 (legge finanziaria 2003), la definizione agevolata degli avvisi di accertamento non è ammessa per i soggetti nei cui confronti sia stato avviato procedimento penale per i reati previsti dal decreto legislativo 10 marzo 2000, n. 74, di cui il contribuente ha formale conoscenza.
(07/02/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Il pignoramento
» Pipì in strada, multa da 10mila euro
» Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
In evidenza oggi
Bonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euroBonus nascita: dal 4 maggio le domande per gli 800 euro
Controllare il conto degli avvocati viola la CEDUControllare il conto degli avvocati viola la CEDU
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF