Sei in: Home » Articoli

Lavoro: Cisl, non c'è una reale politica di ingresso regolare nel paese

cisl id9683.png
Liliana Ocmin, Segretario confederale della Cisl ha dichiarato in una nota che "Il decreto flussi rappresenta una solida finzione per il lavoratore straniero clandestino o divenuto irregolare che si trova sul territorio italiano perche', a tutt'oggi, non si riesce ad affinare una reale politica di ingresso regolare nel nostro paese". Secondo la sindacalista "Sarebbe stato piu' corretto con meno ipocrisia, una regolarizzazione bis includendo i settori produttivi esclusi dalla regolarizzazione del 2009 perche' immaginare che un'azienda o una famiglia, chieda per il lavoratore immigrato senza conoscerlo, un ingresso, non e' molto realistico, e' utopia pura che mette a nudo i limiti di una procedura di domanda con un'attesa media di un anno, se non oltre, dall'inserimento dei dati sino al completamento di tutta la procedura, lasciando, cosi', una decina di migliaia di lavoratori immigrati nell'oblio di anni pregressi di lavoro in nero e delle volte, datori di lavoro nell'impossibilita' di poterli assumere". A tutto cio' - conclude Ocmin - "si aggiunge oltre alla beffa il danno perche' il click day, funziona ad intermittenza.
Questo dimostra i limiti da noi piu' volte evidenziati".
(04/02/2011 - Notiziario)
Le più lette:
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Divorzio finto per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
» Legge 104: nuove regole per chiedere i permessi
In evidenza oggi
Addio, Professore!Addio, Professore!
Separazioni online: le prime a VicenzaSeparazioni online: le prime a Vicenza
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo