Sei in: Home » Articoli

Lotta alla contraffazione, sequestri record nel 2010

Sono quasi 11 milioni e mezzo i prodotti contraffatti sequestrati in Italia, da gennaio 2010 fino al mese di novembre dello stesso anno, secondo quanto riporta l'Ufficio Antifrode, che fa capo all'Agenzia delle Dogane. I prodotti contraffatti più facilmente trovabili sul mercato sono sigarette, medicinali, giocattoli e cibi, ma sono molto più svariati i settori ad essere colpiti dal male della contraffazione. Le sigarette sono il prodotto che più danneggia le aziende produttrici, come Phil Morris, ma anche Warner Bros,ad esempio, soffre per la contraffazione dei cd. Ciascuna zona d'Italia sembra essere referente per determinati prodotti.
E così se La Spezia diventa il punto di riferimento per chi cerca accendini contraffatti, per le sigarette bisogna andare in Calabria, mentre Taranto spadroneggia per i cd falsi. La contraffazione alimentare poi è uno dei mali più dannosi per le aziende italiane e il loro successo commerciale in Italia e all'estero, ma anche per i consumatori, il cui acquisto di cibo non viene così garantito. E se la Cina è senz'altro il Paese, in cui la contraffazione dei marchi originali avviene in modo più spudorato, anche nostri vicini, come la Germania, però, si prodigano nel falsificare prodotti di successo del “made in Italy”, come il famoso parmigiano, venduto come Parmesan, spesso con tanto di tricolore.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/02/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF