Sei in: Home » Articoli

Regione Sicilia: chiesti chiarimenti sul piano di informazione per i consumatori

Il deputato regionale On.Savo Pogliese, ha formalmente presentato interrogazione parlamentare a Palazzo d'Orleans, sede del Parlamento siciliano, per ottenere maggiori chiarimenti alla giunta guidata dal governatore Raffaele Lombardo, a proposito di fondi, utilizzabili da associazioni dei consumatori, in favore dell'informazione a tutela dei consumatori isolani. Nell'interrogazione, l'on.Pogliese mette in risalto alcuni punti dubbi, che suscitano perplessità, riguardo la destinazione dei suddetti fondi. Secondo una precedente normativa, le somme che l'Autorità Antitrust riesce a comminare come sanzioni verso imprese che violano le leggi antitrust e di tutela dei consumatori, dovrebbero essere assegnate alla Regione Sicilia, per la parte spettante, che poi dovrà utilizzarle, per progetti in favore dei consumatori. Secondo l'interrogazione di Pogliese, non sarebbero chiari i criteri con cui si accederebbe ai fondi (pari a 1 milione di euro circa) e alcune associazioni beneficiarie avrebbero dubbia utilità in tema di consumatori, non essendo attivi nell'ambito. Si rileva l'assenza di due importanti associazioni come Adusbef e Codacons, nonché indiscrezioni, secondo cui gli studi relativi ai progetti sarebbero in realtà “appaltati” a studi privati, soprattutto legali, del tutto estranei al mondo della difesa dei consumatori. Se le perplessità espresse fossero veritiere, sarebbe per la giunta Lombardo l'ennesimo caso dubbio di gestione di fondi pubblici.
(01/02/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Licenziamento anche per l'assenza di pochi minutiLicenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF